Con le novità apportate dalla recente conversione in legge del Decreto Rilancio [1], pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 luglio, il superbonus con detrazione al 110% è entrato a regime nella versione definitiva. Ora anche l’Agenzia delle Entrate ha emanato le istruzioni applicative ed oggi ha pubblicato sul proprio sito la guida sul superbonus al 110%.

Quindi la situazione normativa può ritenersi consolidata: il superbonus ha carattere stabile e non dovrebbero esserci più sorprese o ripensamenti. Così potrai eseguire i lavori e fruire degli incentivi stabiliti dalla legge e riconosciuti dal Fisco. L’unica preoccupazione sarà quella di rispettare le norme: ci sono dei precisi requisiti e specifiche condizioni per poter ottenere il beneficio fiscale.

In questo articolo ti forniamo una guida, sintetica ma completa, in cui ti illustriamo tutto quello che c’è da sapere: a chi spetta l’agevolazione, quali sono i lavori che consentono di beneficiare della nuova detrazione fiscale e che adempimenti occorre effettuare per fruire del superbonus al 110%.

Ti anticipiamo che c’è la possibilità di cedere la detrazione fiscale che ti spetta all’impresa che ha eseguito i lavori, oppure di richiedere al fornitore di beni o servizi edilizi uno sconto immediato in fattura, in modo da effettuare i lavori praticamente a costo zero e quindi gratis. Altrimenti potrai spalmare l’importo in cinque anni, utilizzando il tuo credito in dichiarazione dei redditi diminuendo le imposte da pagare.

MAGGIORI DETTAGLI